Salta al contenuto
Rss





Palazzo Lomellini (Sec. XV)

immagine ingrandita Palazzo Lomellini - Logo (apre in nuova finestra) Uno dei più noti (insieme a Casa Cavassa) edifici civili di Carmagnola. Conserva linee di una nobiltà antica e solenne, anche se diverse sue parti, compresa la facciata principale sulla piazza, hanno subito, già in anni lontani, modifiche e adattamenti.
E' molto probabile che l'edificio, al pari degli altri vicini, sia stato costruito originariamente intorno alla metà del XV secolo, come lasciano supporre, sul lato verso via Lomellini, gli archi a sesto acuto tardogotici del portico, tamponati nella metà del '700.
Anche nei piani alti della stessa ala del palazzo sono ancora ben leggibili i segni di finestrelle gotiche, monofore, con cornice in cotto, in gran parte oggi murate, mentre sono state aperte finestre di forma ovale.
Le prime notizie storiche di questo edificio, in relazione alla famiglia Lomellini che era forse originaria di Genova, risalgono all'inizio del '600. Nel 1613 e poi nel 1687, infatti, esponenti di quella famiglia consegnano la loro arma gentilizia.
L'intero palazzo ha le superfici in mattoni a vista e il carattere complessivo è di grande severità, stemperato da eleganti e poco rilevate fasce, anch'esse in cotto di forma sagomata, che spartiscono orizzontalmente in cinque campi la facciata.
immagine ingrandita Palazzo Lomellini - Facciata (apre in nuova finestra) Nei due piani che prospettano sulla piazza Sant'Agostino si aprono regolari finestre rettangolari che non dovrebbero essere quelle originarie. Insolito il campaniletto a vela che supera il profilo del tetto, sull'angolo sinistro del palazzo.
Al piano terreno prosegue il portico, in tre campate e con archi a sesto acuto innestati direttamente, senza capitelli, su robusti pilastri quadrangolari.
Molto bello il soffitto del portico, a cassettoni in legno, anticamente dipinti. E, dal porticato, l'ingresso al palazzo è dato da un portale classicheggiante, in pietra grigia, alla cui sommità, entro cornice contornata da foglie di acanto, è scolpito uno stemma colorato, con una mano (quella di San Paolo?) che impugna una corta spada.
Sull'architrave, è scolpita la scritta "Congregazione di carità", memorie di quando Palazzo Lomellini ospitò, dal 1717 e per una sessantina di anni, la "Congregazione caritatevole di San Paolo" (era già stata fondata nel 1695), che si occupava soprattutto del sostegno materiale e spirituale delle vocazioni religiose.
Un'altra memoria di quella destinazione d'uso è il grande affresco, oggi molto sbiadito, raffigurante san Paolo, sulla facciata verso la piazza, al di sotto del campaniletto a vela sull'angolo dell'edificio.
immagine ingrandita Palazzo Lomellini - Vista Laterale (apre in nuova finestra) All' "Opera di San Paolo", Palazzo Lomellini era stato lasciato in eredità da Maddalena Pertusia Lomellini. Passato in proprietà dell'Amministrazione Comunale nel 1939, ebbe ancora varie destinazioni.
Attualmente è in fase di ristrutturazione. A lavori ultimati ospiterà nuovamente la Civica galleria di Arte Contemporanea. Nei suoi saloni, di nobili e raffinate linee, alcuni arricchiti da pregevoli soffitti a cassettoni, si torneranno ad ospitare rassegne e mostre di artisti oltre ad altre attività culturali.
Sul lato verso il cortile, Palazzo Lomellini si apriva con una serie di logge, molto ariose, con archi a tutto sesto, di gusto rinascimentale, impostati su colonne o pilastri. Ora le logge sono state chiuse con vetrature.


Foto ad alta risoluzione

Clicca sull'anteprima per visualizzare le immagini ingrandite




Inizio Pagina Città di CARMAGNOLA (TO) - Sito Ufficiale
Piazza Manzoni n.10 - 10022 CARMAGNOLA (TO) - Italy
Tel. (+39)011.9724111 - Fax (+39)011.9724366
Codice Fiscale: 01562840015 - Partita IVA: 01562840015
Posta Elettronica Certificata: protocollo.carmagnola@cert.legalmail.it
Visualizza Contatti


|