Salta al contenuto
Rss






immagine ingrandita Centro Storico - Portici Via Valobra (apre in nuova finestra) La "pianta" di Carmagnola disegnata da Giovanni Paolo Morosino nell'estate del 1666, nella sua lucida e luminosa scansione geometrica delle strade all'interno delle mura e delle fortificazioni della Città, dà conto dell'esistenza di una arteria "principale" che taglia in due, orizzontalmente, l'intero nucleo abitato, da sud - est a nord - ovest.
Nella parte centrale dell'incisione - e cioè nel tratto compreso fra il punto in cui si trova la Chiesa di San Giovanni Battista o della Misericordia in piazza Garavella e l'ultimo isolato prima di piazza del Popolo in cui sorge Casa Cavassa -, a questa strada rettilinea (almeno sino all'altezza della facciata della chiesa Collegiata) si affianca, parallela, a sud, una seconda strada. Con una certa schematicità geometrica un po' eccessiva, il disegno del Morosino offre tuttavia l'esatta descrizione di una situazione urbanistica rimasta sostanzialmente invariata nel corso dei secoli.
immagine ingrandita Castello - Vista Cortile (apre in nuova finestra) Compresa la presenza di un sistema continuo di portici lungo tutta l'attuale via Valobra. "Principale", questa strada, non tanto perché il Morosino l'abbia rappresentata più ampia delle altre, quanto piuttosto per evidenti ragioni logistiche, in quanto, collegando le porte Moneta e San Giovanni, essa veniva a costituire l'asse privilegiato di transito e, quindi, arteria a più alta vocazione commerciale.
Lo conferma la stessa esistenza di portici, da sempre luogo di più vivaci relazioni sociali e di sviluppo delle attività economico - commerciali.
L'organizzazione urbanistica attuale ricalca sostanzialmente il disegno del 1666. Via Valobra inizia esattamente dal punto dove anticamente si trovava porta Moneta la cui area è oggi occupata dalla grande piazza dei Martiri.
Prosegue rettilinea, affiancata da edifici costruiti in anni diversi e in gran parte di rilievo storico, sino alla piccola e raccolta piazza Garavella.
In questa piazzetta semicircolare, dai delicati valori architettonici e in cui si affacciano case e palazzi di una certa eleganza, in parte porticati e tutti costruiti fra Quattro e Cinquecento anche se non sono mancati interventi successivi, via Valobra si divide in due, a destra e a sinistra della Chiesa della Misericordia.
immagine ingrandita Centro Storico - Portici Via Valobra (apre in nuova finestra) A destra, l'arteria prosegue con la denominazione di via Gardezzana sino in piazza Verdi, di fronte alla Collegiata. Ha in parte conservato l'aspetto urbanistico medioevale, più scarsamente interessato a forti movimenti commerciali.
E' tradizione consolidata che l'area attorno a via Gardezzana sia quella più antica di Carmagnola.
In questa zona sarebbe esistito uno dei pochi isolotti emergenti dalle acque del lago, o della palude, in cui si sarebbero rifugiati gli abitanti per sfuggire alle violenze di aggressori. L'isolotto che - come Rialto a Venezia - avrebbe accolto i primi abitanti di Carmagnola, sarebbe stato denominato "Guardia sana", o "Gardexana", appunto per la sua caratteristica di essere un luogo "sano" rispetto alla circostante palude, e perché in grado di essere un sistema di "guardia" o di difesa degli abitanti stessi.
Verso il tratto finale di via Gardezzana, rilevanti sono la facciata di Palazzo Ternavasio e il fianco sud della chiesa Collegiata, nel punto dove più evidente appare l'innesto delle trasformazioni architettoniche barocche sulla più antica struttura tardo-gotica.
immagine ingrandita Chiesa di Sant'Agostino - Vista Campanile e Abside (apre in nuova finestra) Sul lato sinistro della Chiesa della Misericordia, via Valobra prosegue invece con la stessa denominazione e, anche in questo secondo tratto, si conferma essere l'arteria più importante della città, luogo dove si accentrano, già da antica data, le attività commerciali e dove più intensa è la vita sociale della comunità.
Per gran parte di via Valobra, i portici sono continui, su entrambi i lati, e presentano elementi architettonici non omogenei. Si trovano così, secondo gli anni di costruzione, sia archi a tutto sesto, sia a sesto ribassato o, ancora, a profilo più ogivale, impostati su pilastri - alcuni particolarmente massicci, con profilo a scarpa - o, più raramente, su colonne in pietra.
immagine ingrandita Carmagnola - Scorcio (apre in nuova finestra) Molto diverse sono sia le coperture dei portici - a crociera, a volta, a orditura lignea orizzontale -, sia le facciate delle abitazioni alcune delle quali presentano superstiti elementi decorativi medioevali o memoria di raffinate decorazioni rinascimentali, in parte recuperate con interventi di restauro.
Pregevoli molti portali in legno delle case, i ferri battuti delle ringhiere dei balconi, mentre è particolarmente suggestiva la piccola edicola votiva sotto i portici di Casa Diena (ma è anche nota come "Casa dell'ebreo"), all'angolo con via Provvidenza, un edificio costruito nel Settecento.
Sotto i portici si concentrano molti negozi e locali pubblici di Carmagnola. In un tratto di via Valobra, lo spazio porticato è stato addirittura ridotto per consentire l'ampliamento di attività commerciali.
immagine ingrandita Collegiata dei SS Pietro e Paolo - Vista con Lampione (apre in nuova finestra) E', in un certo senso, luogo privilegiato del passeggio, degli incontri e dello shopping anche perché i portici di via Valobra hanno un naturale proseguimento sui due lati maggiori di piazza Sant'Agostino.
Una vocazione "naturale", quella di via Valobra, che diventa perno di un vivace e attivissimo centro commerciale soprattutto in occasione del mercato che si tiene, da antichissima data, il mercoledì mattina e il sabato (tutto il giorno) e che si estende anche in piazza Mazzini, sul lato est dell'ex Castello.
Lungo via Valobra e in piazza Sant'Agostino, si incontrano alcuni dei monumenti e degli edifici più importanti del centro storico di Carmagnola: oltre sette secoli di storia, di vita e di cultura piemontese da riscoprire, nel fascino delle sue atmosfere antiche, camminando senza fretta sotto i portici, nelle vie e piazze della città medioevale.

Clicca sull'anteprima per visualizzare le immagini ingrandite




Inizio Pagina Città di CARMAGNOLA (TO) - Sito Ufficiale
Piazza Manzoni n.10 - 10022 CARMAGNOLA (TO) - Italy
Tel. (+39)011.9724111 - Fax (+39)011.9724366
Codice Fiscale: 01562840015 - Partita IVA: 01562840015
Posta Elettronica Certificata: protocollo.carmagnola@cert.legalmail.it
Visualizza Contatti


|